Lo scrittore --> Articoli e altri scritti

ARTICOLI

Le prime cose scritte e pubblicate, a partire dalla fine del 1957, furono alcune recensioni cinematografiche e articoli sulla stampa studentesca per Il popolo piemontese, cui fecero seguito due fascicoli dedicati a Ingmar Bergman (la prima monografia apparsa su di lui in Italia) e a Frank Capra. Entrambi i fascicoli facevano parte di "Centrofilm", una collana di studi cinematografici diretta da Gianni Rondolino, in cui critici noti (come Gobetti, Voglino, Pintus, Casiraghi, Valobra) si alternavano a sconosciuti e volonterosi collaboratori del Centro Universitario Cinematografico (come il giovane Farina).

Vennero poi alcune "cronache mondane" della buona società torinese, pubblicate sous le manteau nella primavera del 1961 dal settimanale politico-scandalistico Le Ore (niente a che fare con l'omonima rivista porno, che è di una ventina di anni dopo). Un piccolo "entracte" letterario, poco impegnato sul piano intellettuale ma ugualmente degno di essere ricordato, se non altro per la sfida a duello - con tanto di padrini e di giurì d'onore - che l'autore ricevette da uno dei suoi amici, consideratosi offeso nella sua aristocratica dignità.

Verso la metà degli anni Sessanta vennero altri articoli di critica cinematografica su Io (uno dei primissimi rotocalchi che smerciavano cultura con contorno di donnine discinte, sul modello dell'americano Playboy) e sugli ultimi numeri di Selene, in appendice alla storia a fumetti; nonché articoli su vari argomenti, per lo più riconducibili al mondo della pubblicità, sulla rivista Sipra Due. Sempre per la Sipra videro la luce altri due fascicoli monografici, dedicati rispettivamente alla pubblicità cinematografica sui quotidiani (Amore+Sesso+Morte) e alla rivoluzione apportata da Guido Crepax al linguaggio delle storie a fumetti (Guido Crepax o... del fumetto) (anche questa, salvo errore, la prima monografia dedicata al disegnatore milanese).

Un secondo "entracte" fu costituito dal soggetto e dalla sceneggiatura di alcune storie a fumetti (per la cronaca: 1 di Diabolik, 1 di Zakimort e 4 di Selene): una esperienza durata, come Selene, l'espace d'un matin.

Nei primi anni romani nacquero nuove collaborazioni: fra tutte, quelle con le Edizioni Tattilo (Men e Playmen), con la Rivista Finsider, con Il sergente Kirk e Off-Side (due riviste a fumetti dell'inizio degli anni Settanta).

Un salto di quasi vent'anni porta al passato prossimo, caratterizzato prevalentemente dalla collaborazione a due riviste: Comic Art e Charta. Della prima (che ha cessato le pubblicazioni) si ripropongono qui integralmente tutti gli articoli; mentre della seconda, tuttora in edicola, si dà solo l'elenco dei titoli e dei relativi argomenti, poichè i numeri arretrati possono essere richiesti all'editore. (Attenzione: in alcuni casi un articolo ne riprende un altro sullo stesso argomento e pubblicato su un'altra rivista, con poche varianti).

Recensioni cinematografiche (varie testate)

Articoli apparsi su Comic Art (illustrazione e dintorni)

Articoli apparsi su altre testate (cinema, fumetti, grafica, illustrazione)

Elenco degli articoli apparsi su Charta (grafica, illustrazione, fumetti)

ALTRI SCRITTI

Lo stupro (1993)
Un'indagine sui rapporti fra il cinema e la televisione.

Luci rosse su fondo bianco (2001)
Cinquant'anni di erotismo nel cinema e nei fumetti.

Cinema, fumetti e libri: le strade del fantastico
Testo di base per l'intervento al convegno "Buzzati, fumetti e altre visioni" - Feltre e Belluno, 12-14 settembre 2002

Questi insegnanti
Testo di base per la presentazione del volume di Fabio Bocci "Questi insegnanti - Maestri e professori nel cinema" - Roma, Libreria Montecitorio, 13 maggio 2003

Montare il repertorio (2007)
Qualche riflessione sul montaggio di materiale di repertorio.



webmaster: flavia e alberto farina | COPYRIGHT 2002-2008 corradofarina